E se andassimo a votare domani?

Vi siete chiesti chi governerebbe l’Italia per i prossimi anni? Dal mio punto di vista a vincere sarebbe ancora il duo Pdl-Lega poiché Berlusconi nonostante i tantissimi scandali per corruzione, “giustizia” e conflitto di interessi gode ancora di una grande credibilità dato che gli italiani continuano a sostenerlo in massa. Di sicuro il partito di Umberto Bossi crescerà ancora forte del buon lavoro fatto da Maroni al Viminale e dal ex Ministro Luca Zaia ora presidente della Regione Veneto.

La coppia che governa attualmente il paese non è esente da critiche per questione morale, scandali e tante altre cose che non voglio citare perché mi vergognerei di essere italiano. Berlusconi fin dalla sua discesa in politica grazie alle televisioni e agli altri media che gestisce (Mondadori per esempio) ha creato una società che ha come modello la bella vita, le belle donne (possibilmente semivestite come ad esempio “le veline” che fino agli anni 80 non esistevano) e i soldi (unico valore dell’era berlusconiana).

Chiusa questa parentesi fortemente critica verso Berlusconi mi chiedo che percentuale prenderà il partito di Gianfranco Fini. La nuova corrente appena uscita dal Pdl era partita molto bene, poi è uscita l’inchiesta sulla casa della moglie del Presidente della Camera che ha fatto piombare Fini nel caos totale (innocente fino a prova contraria). Io penso che Fini otterrebbe un buon risultato, ma molto dipenderà dalle alleanze che andrà a costruirsi perché se si schiera con UDC e Rutelli…oddio!!!

Per finire sono rimasti sul piatto IDV e PD che non hanno ancora risolto i loro problemi. Il partito di Di Pietro negli ultimi anni è cresciuto molto e penso che continui a farlo perché fa della questione morale il suo cardine, mentre il PD guidato dal Bersani (grande politico) deve fronteggiare le varie correnti interne e soprattutto le primare. Già, le primarie… brutta cosa per il PD perché a candidarsi ci sarà un volto nuovo: Nicky Vendola. L’ attuale governatore della Puglia si è detto deciso a presentarsi come segretario del Partito Democratico e la sua discesa in campo non è per niente scontata perché Vendola è un personaggio che ha la testa sulle spalle.

Per concludere non cambio idea: se si votasse domani a vincere sarebbe ancora Berlusconi con un’ampia maggioranza, PURTROPPO.

Annunci